Una delle tante baie del parco naturale Kamenjak in Croazia
Croazia Europa Travel

Croazia del nord “on the road”

By
on
13/12/2020

Il giorno dopo l’escursione ai bellissimi Laghi di Plitvice  il viaggio “on the road” nella Croazia del nord, insieme al mio compagno, è proseguito verso il Golfo del Quarnaro per qualche giorno di mare . Abbiamo oltrepassato il confine tra la provincia di Karlovac e quella della Lika percorrendo una statale immersa nel verde con pochi e piccoli centri abitati. Il punto più caratteristico di questa strada è il valico Vratnik (o Passo di Segna – 700m s.l.m.), punto panoramico da dove si vedono il Mar Adriatico e l’isola di Krk all’orizzonte (peccato ci fosse un po’ di foschia che non rende giustizia alla foto). Dal valico si inizia a scendere verso la costa e ci si lascia alle spalle la zona montana dell’entroterra.

Vista sull'Adriatico e l'isola di Krk dal Valico Vratinik

Il bellissimo panorama dal Valico Vratinik. Peccato per la foschia…

Il Golfo del Quarnaro (Kvarner)

Il Golfo del Quarnaro si trova nella regione Litoraneo-Montana (o regione del Quarnaro) certamente meno conosciuta e frequentata delle vicine Istria e Dalmazia. Eppure questo lembo di terra protetto dalla barriera naturale del Monte Ucka e dal massiccio del Velebit, affacciato sull’arcipelago del Quarnaro (che comprende le isole di  Krk, Cres, Losinj, Rab e Pag, oltre a numerose isole minori), è un luogo pieno di meraviglie che offre infinite possibilità. Dalle immersioni in acque limpide al trekking, dal relax alla movida, dalle spiagge alle città storiche, questa zona è meta ideale, sia per chi è alla ricerca di mare e relax, sia per chi preferisce la vacanza attiva. Il capoluogo della regione è la famosissima città portuale Fiume (Rijeka), quest’anno designata dall’UE come Capitale europea della cultura 2020 insieme alla città irlandese di Galway.

Abbazia (Opatija)

Il lungomare di Opatija, la statua della "Ragazza col gabbiano", murales e Pina Colada

Il lungomare di Abbazia, la statua della “Ragazza col gabbiano”, murales e le mie serate a base di Pina Colada nei locali alla moda

Per il nostro soggiorno abbiamo scelto la città di Abbazia che si affaccia sul Golfo del Quarnaro. Un tempo meta rinomata e luogo di villeggiatura privilegiato dai ricchi austro-ungarici che vi costruirono imponenti ville, Abbazia è oggi una città moderna e alla moda che conserva ancora architettura e fascino asburgico. Tra le tante attrazioni di questa città, tra cui ville d’epoca (molte delle quali oggi adibite a hotel di lusso), parchi, teatri e mare cristallino, noi abbiamo apprezzato soprattutto il lungomare. Una lunga passeggiata di circa 12 km che unisce le città di Volosko, Opatija, Ičići, Ika e Lovran e che porta a scoprire monumenti storici, pittoreschi porticcioli, piccole baie, spiagge di ciottoli e terrazze sul mare. E poi incontri lei, la statua della “Ragazza col gabbiano” dello scultore Zvonko Car, simbolo della città, che dal suo scoglio affascina i passanti soprattutto di notte quando è illuminata. La sera tutto il lungomare è invaso da luci e musica provenienti dai tanti locali alla moda, i casinò, le bancarelle e le giostre. E’ una città interessante sotto tanti punti di vista ma le sue “spiagge” sono per lo più ciottolose e terrazzate e, a mio parere, un po’ troppo affollate. E questo è il motivo per il quale noi siamo andati a cercare altri lidi per sdraiarci al sole.

Draga di Moschiena (Mošćenička Draga)

Le colorate case di Moscenika Draga arrampicate sulla collina e affacciate sul mare

Il piccolo villaggio di pescatori Draga di Moschiena

A circa 15 km da Opatija c’è un piccolo villaggio, dalle pittoresche case colorate, arrampicato sulla collina e affacciato sul mare. Draga di Moschiena fu fondata nel XIX secolo dagli abitanti di Moschiena (città medievale posta sulla collina sovrastante) quando decisero di spostarsi più vicini al mare, creando così una nuova comunità di pescatori. Possiede tuttora un piccolo porto turistico, simbolo della storia di questo villaggio. La spiaggia “Sipar” che corre per oltre 2 km lungo il centro abitato è considerata uno dei lidi più belli del Quarnaro. Ed effettivamente il paesaggio è incantevole ma in agosto era troppo affollata e così noi abbiamo optato per un pranzo a base di ottimo pesce accompagnato da un buon vino bianco a pochi passi dal mare. Il lungomare è pieno di caratteristici ristorantini dove è possibile gustare il piatto tipico: gli scampi di Draga. Una vera e propria prelibatezza. Provare per credere! 😉

La splendida baia di Bersezio (Brsec Beach)

La bellissima baia di Brsec vista dall'altro

La piccola e bellissima spiaggia di Klančac nella baia di Brsec

Bersezio (Brsec) è un piccolissimo paese medievale di poche centinaia di abitanti ubicato su un’alta scogliera. E’ una zona poco conosciuta che nasconde una splendida baia: la spiaggia Klančac. Protetta da bianche scogliere, e nascosta in una valletta, non è facile da individuare. Per raggiungerla bisogna percorrere una strada piuttosto stretta che scende ripida verso il mare. C’è un parcheggio all’inizio della strada ma per evitare la lunga salita a piedi, noi abbiamo optato, come altri, per un parcheggio selvaggio lungo la strada, avvicinandoci così di più al mare. Raggiungibile solo a piedi o in barca, e non proprio comoda da raggiungere, questa piccola spiaggia è un vero spettacolo. Una baia nascosta con mare cristallino e alti scogli da dove i bagnanti più coraggiosi si cimentano in spettacolari tuffi.

La scogliera di Brsec da dove si tuffano i più coraggiosi

Il grande scoglio da dove si tuffano i più coraggiosi

E’ una spiaggia di ghiaia, piccola e poco frequentata ma priva di servizi. Per me la spiaggia più bella di tutta la riviera del Quarnaro. Fare il bagno in quelle acque limpide, circondati da quel magnifico paesaggio naturale e lontani dal turismo di massa è stato davvero spettacolare.

Il Parco Naturale Kamenjak in Istria

All’estremo sud della penisola Istriana, circa 10 km sotto Pola (Pula), si trova l’antico villaggio di Premantura, porta d’accesso al Parco Naturale Kamenjak. Una lingua di terra stretta e lunga che si estende nell’Arcipelago di Medulin. La penisola di Kamenjak è una riserva naturale divenuta zona protetta nel 1996, per questo è necessario pagare un pedaggio se si vuole accedere al Parco con il proprio mezzo (ingresso libero invece per bici e pedoni). All’interno del parco la strada è sterrata e sconnessa ed è obbligatorio parcheggiare nelle aree segnate. La sensazione è quella di trovarsi in un safari africano. Parcheggiata l’auto abbiamo scelto uno dei numerosi sentieri che dalla strada principale si diramano verso il mare e la frastagliata costa della penisola. Non aspettatevi una comoda spiaggia ma piuttosto scogli, calette, baie e piccole spiagge di ciottoli, dove stendere tappetino e asciugamano. E se posso darvi un consiglio, munitevi anche di scarpette da bagno. 😉

Scorci del Parco Naturale Kamenjak, tra baie, acque limpide, scogli e gabbiani

Il favoloso Parco Naturale di Kamenjak, tra baie, scogli, acque limpide, pesci e gabbiani

A differenza di altre spiagge viste durante il nostro viaggio, qui è possibile godersi mare e sole in totale privacy e relax. Ecco perché questa zona balneare è frequentata anche da numerosi nudisti. Circondati da scogli, ricca vegetazione e mare cristallino dalle mille sfumature, questo è davvero un luogo incantevole dove nuotare insieme ai pesci e rilassarsi al sole. Un posto che mi è rimasto nel cuore.

Scorci della nostra passeggiata sulla bellissima penisola di Kamenjak

Splendidi scorci della nostra passeggiata sulla penisola del Parco Naturale Kamenjak

Bar Safari

Dopo aver nuotato ed esplorato a piedi parte di questa meravigliosa penisola ci siamo imbattuti nel Safari Bar. Non è facilmente individuabile poiché è nascosto dentro un fitto canneto ma l’alta terrazza panoramica in legno e le tante statue vi indicheranno i piccoli sentieri d’accesso a questo “giardino segreto”.

Ingresso al Safari Bar nel Parco Nazionale Kamenjak

L’ingresso nel fitto canneto del Safari Bar e l’alta terrazza panoramica in legno

I tavoli sono tutti in pietra o legno, dislocati in un labirinto di bambù. Sembra di trovarsi nella giungla e l’atmosfera è davvero suggestiva. Ti aspetti di incontrare Tarzan da un momento all’altro! Merita sicuramente una sosta per bere o mangiare qualcosa. Sul retro del bar, ci sono bellissimi giochi: un grande scivolo fatto di rotelle in legno e funi, una ruota girevole e grandi altalene in legno. Davvero simpatico e particolare questo piccolo bar dall’aspetto “wild” nel Parco Naturale Kamenjak. Consigliatissimo!!

I bellissimi giochi fatti di legno e corde del Safari Bar

I particolari e bellissimi giochi, fatti di legno e corde, del Safari Bar

Momiano (Momjan)

Poco prima di lasciare l’Istria e oltrepassare il confine con la Slovenia (bisogna passare la dogana), abbiamo fatto una tappa nel paese di Momiano, dietro suggerimento di un nostro caro amico appassionato di gastronomia che ci ha indicato il ristorante Konoba Rino per un buon pranzo a base di tartufo. Questo piccolo paese arroccato sul monte Sveti Mauro (San Mauro) è infatti patria del tartufo (bianco e nero) e del moscato. Il locale è rustico, una taverna (konoba) con un grande caminetto acceso anche in estate. Noi abbiamo preferito sederci nella grande veranda mansardata all’esterno e abbiamo optato per un menù a base di tartufo saporito e profumato. Il tutto accompagnato da buon vino e un servizio attento e professionale. Per smaltire il pranzo abbiamo poi fatto due passi fino alla chiesa di San Moro da dove si possono ammirare i ruderi dell’antico castello, le colline circostanti e il mare. Si dice che da Momiano si può ammirare uno dei panorami più belli di tutta l’Istria.

Scorci di Momjan: la taverna "Konoba Rino", la chiesa e il bellissimo panorama

Il ristorante “Konoba Rino” e il bel panorama dalla chiesa San Moro di Momiano

Ultima tappa a Carcase (Krkavce) in Slovenia

L’ultima notte del nostro viaggio on the road, l’abbiamo trascorsa a Krkavce, un piccolo paese della Slovenia adagiato su un masso roccioso che sovrasta il fiume Dragogna. Avevo prenotato un piccolo appartamento in una “dependance” di una villetta familiare. Durante il viaggio ho ricevuto un messaggio dai proprietari con il quale mi avvisavano che sarebbero andati via per qualche giorno e che mi avrebbero nascosto le chiavi in un posto “segreto”. Fortuna che le abbiamo trovate perché la casa, raggiunta su strada piccola e sterrata, era completamente isolata nel bosco. Abbiamo usufruito della piccola piscina in totale solitudine e con un pò di timore che dal bosco potessero comparire orsi e cinghiali… Quindi non propio in totale relax!

La misteriosa stele di Krkavce in Slovenia

La misteriosa stele di Krkavce in Slovenia

La stele di Krkavce

Prima di rimetterci in viaggio verso l’Italia, siamo andati alla ricerca del “Kamen Troglav” di Krkavce, ossia la “pietra a tre teste”, incuriositi dalla misteriosa storia di questa stele. Si tratta di un monolite alto 2,5 m (anche se la parte visibile in superficie è alta solo 1,6 m). Su entrambi i lati sono presenti incisioni che rappresentano una figura umana stilizzata. Secondo la tradizione popolare, a questo monolite venivano legate le persone per scontare la propria pena. Ma non mancano altre ipotesi su extraterrestri e divinità antiche. In passato la pietra veniva venerata nei giorni di San Vito e di Natale. E anche nei giorni che precedono l’ascensione di Gesù, le processioni partivano proprio dal monolite per concludersi davanti alla chiesa di San Michele Arcangelo. Oggi questa tradizione non esiste più. C’è solo questa grande pietra che avvolge di magia e mistero il piccolo paese di Krkavce in Slovenia.

Breve nota informativa! Per circolare sulle autostrade della Slovenia bisogna essere muniti di apposita vignetta da attaccare al parabrezza, acquistabile in quasi tutti i bar e tabacchi.


Circa 1600 km in 7 giorni “on the road” per apprezzare solo alcune delle tante meraviglie che offre la Croazia del Nord: paesaggi mozzafiato, mare cristallino, natura incontaminata, buon cibo e un’ottimo rapporto qualità prezzo. Il fatto poi che sia vicinissima all’Italia, la rende il posto ideale per una vacanza on the road adatta a tutti e per tutti i gusti.  

TAGS
RELATED POSTS

LEAVE A COMMENT

error: Content is protected !!