Europa Regno Unito Scozia Viaggi

Glasgow per amanti dell’architettura, musica e scienza

on
28/03/2021

Ultima tappa del viaggio scozzese con Tali, Glasgow significava per me il luogo del sacrosanto (per Tali) concerto di Eminem. Credo che avessimo acquistato i biglietti circa 4 mesi prima, e a due giorni dall’evento eravamo ancora sprovviste causa ritardi nell’invio. 

Il concerto che ho atteso di più nel vero senso della parola: fin dal primo pomeriggio eravamo nelle vicinanze dell’area d’entrata, immersa nel parco Bellahouston Park (e forse quel “Houston abbiamo un problema” si addice molto). Su tutto il territorio di Scozia vige una legge che vieta di bere alcolici in luoghi pubblici e per strada. Ne siamo state consapevoli esclusivamente in quei giorni di fine del nostro viaggio, visto che per poco non venivamo sanzionate da poliziotti a cavallo. Appena entrate nell’area del concerto, credo di non aver mai visto in vita mia code chilometriche per approvvigionarsi al bar. La gente era ammassata nel fango (perché ovviamente pioveva a dirotto…santo poncho!), sprofondando e scivolando con l’unico obiettivo più importante: non far cadere le bevande. Eminem era l’ultimo artista ad esibirsi: dopo 5 ore finalmente eccolo sul palco e devo dire che, da “non fan”, ho apprezzato la sua performance.

Bellahouston Park

 

Glasgow Science Centre

 

Questo museo è il tipico luogo dove le famiglie possono impazzire, ma credo di più gli adulti rispetto ai bambini. Vi sono numerose attrazioni su scienza e tecnologia, in parte con quell’effetto illusionista che sta a metà fra scienza e magia.

La parte geniale di Stefy

 

E’ impossibile non essere attratti fin da subito dalla forma dell’edificio che contiene il museo: una struttura futuristica, mi ricorda una navicella spaziale. Glasgow è una città che per gli amanti dell’architettura ne ha per tutti i gusti.

Glasgow Science Centre

 

Il Lighthouse di Glasgow

Benché in Scozia vi siano innumerevoli fari, il Lighthouse Glasgow ideato e progettato dall’architetto Charles Rennie Mackintosh (1868-1828), originario proprio di questa città, e ora è la sede del Scotland’s Centre for Design and Architecture. La parte che mi è piaciuta di più è stata quella del design, con tutte le sedie e sedute progettate da Mackintosh: un artista dell’architettura.

Lighthouse di Glasgow

 

Salendo la scala a chiocciola si giunge al tetto, da dove scorgere gran parte del panorama della città.

 

Glasgow dall’alto del Lighthouse di Glasgow

 

The Mackintosh House

Visitiamo la casa di Mackintosh che purtroppo non è permesso immortalare con fotografie.

L’architetto ci visse dal 1906 al 1914 e lo stile è sicuramente influenzato dal Liberty, tuttavia è un passo oltre, molto moderno e il mobilio è stato realizzato, come le decorazioni, interamente da Mackintosh.

L’entrata – da dove non si entra – della Mackintosh House

TAGS
RELATED POSTS

LEAVE A COMMENT

error: Content is protected !!