Europa Norvegia Viaggi

L’ascesa al Preikestolen: il Pulpito!

on
09/12/2021

È Il nostro quinto giorno di viaggio e stamane la sveglia suona prima del solito. L’escursione al Preikestolen non è impegnativa ma dato che subito dopo la salita al pulpito ci aspettano 4 ore di strada per raggiungere Odda, la sveglia anticipata è obbligatoria. Per oggi non è ancora il momento di caricare la macchina, le 4 valigie e la dispensa di cibo per i tratti in macchina ci attenderanno all’hotel. Perché, come dice Lady Sarah Ashley nel film Australia, “una signora non sa mai prima quello di cui ha bisogno”. Solitamente porto con me solo l’indispensabile, amo viaggiare leggera ma l’idea di avere sempre una macchina a disposizione ha fatto crollare questa buona abitudine che riprenderò sicuramente nei prossimi viaggi.

L’aria frizzante della Norvegia!

Sono le sette del mattino e l’aria è ancora frizzante. In Norvegia l’estate non è quella italiana, il caldo non è prepotente, non ti investe lasciandoti senza forze, arriva piano piano durante la giornata donando una sensazione di tiepido calore. Da Jorpeland, dove è situato il nostro albergo, al villaggio di Forsand nella contea di Rogaland vicino a Stavanger, dove si trova il posteggio del Preikestolen sono 11 minuti di macchina. Dato che questa passeggiata è una delle più frequentate in Norvegia non diamo per scontato di riuscire a prendere posto nel posteggio a fianco della partenza del sentiero, ma siamo fortunate e troviamo posto. Forse è anche a causa del tempo che non promette nulla di buono e dell’ora mattiniera. La prima cosa che bisogna imparare per affrontare al meglio un viaggio in Norvegia è che il tempo è una continua alternanza tra nuvole, pioggia e talvolta sole.

Pronte, attente e via!

La risalita al pulpito non è per niente impegnativa, indicativamente si impiegano dalle 3 alle 4 ore a percorrere l’intero percorso, salita e discesa. Soprattutto nel primo tratto ci si troverà a percorrere tratti in pendenza che rallenteranno tutti coloro che non sono abituati a compiere un po’ di attività fisica. Ma non temete l’incantevole ambiente che accompagna la risalita vi farà dimenticare la fatica. Nella prima ora si cammina attraversando un ambiente boscoso con ripide salite e scalinate con ardui gradini. Superato questo tratto si esce dal bosco e si costeggia la montagna e il cammino diventa molto più facile. Preparate i vostri occhi a immagini che rimarranno indelebili dentro di voi. E infine il pulpito si manifesta in tutto il suo splendore e le parole non bastano a descrivere questo angolo di paradiso norenno. 

Il vostro palco personale sul Lysefjord

Il terrazzo del Preikestolen si erge sul fiordo Lysefjord e per i fortunati – noi lo siamo state – che possono ammirare la vista che ne fa da sfondo, con il sole e senza nuvole, è una ricompensa che supera la fatica del primo tratto. Mentre osservo affascinata questo scorcio di terra norvegese riscontro una somiglianza con la mia terra. Provate a salire sul monte Altissimo che si affaccia sul lago di Garda e ditemi se anche voi non cogliete delle somiglianze con il Lysefjord. Anche noi in Italia abbiamo i nostri fiordi.

Un viaggio nella mitologia norrena. 

Rimango seduta a lungo sul bordo roccioso ai lati del pulpito mentre assorbo questo luogo magico dentro di me. Ora capisco la forza emotiva della scena in Vikings dove Ragnar Lodbrok è seduto sul pulpito mentre si immerge nella riflessione. Quella scena è stata girata sul Preikestolen, la telecamera inquadra Ragnar collocato a terra mentre una fredda nevicata incornicia il protagonista.  E’ arrivato il momento di lasciare questo affranto incantato e di percorrere il sentiero a ritroso.  Il suono delle foglie mosse dal nostro passaggio accompagna la nostra discesa. Prestando attenzione si può percepire la presenza di Thor, il Dio del tuono, mentre si aggira in queste terre, sue fin da sempre, perché anche dal Valhalla, regna incontrastato sul suo popolo.

E’ tempo di dirigerci verso Odda, ma questa è un’altra storia che vi aspetta prossimamente.

Sono Alessandra, ho i viaggi nel sangue e la musica dentro di me! Scopri altre parti del mondo assieme a me. Clicca qui! 

Playlist

Somewhere I Belong Linkin Park (L’ascesa al Preikestolen: il Pulpito)

Take on me A-Ha (L’aria frizzante della Norvegia)

Farao Margareth Menezes (Pronte, attente e via)

Death of a Legend Trevor Morris (Un viaggio nella mitologia norrena)

TAGS
RELATED POSTS

LEAVE A COMMENT

error: Content is protected !!